Cos'è l'orto-K

L’ortocheratologia consiste nella correzione di un difetto visivo mediante l’applicazione programmata di lenti a contatto gas-permeabili, indossate durante la notte. Le lenti per ortocheratologia vengono progettate su misura per ogni singolo occhio allo scopo di modificare la forma della parte più esterna della cornea.

La lente rimodella il profilo corneale, in maniera controllata, ottenendo delle modificazioni oculari del tutto simili a quelle realizzate in maniera permanente con il laser ad eccimeri nella chirurgia refrattiva.

In genere le lenti vengono portate durante il sonno e tolte al risveglio ma, se necessita, possono essere indossate anche durante il giorno consentendo una visione da buona a ottima, esattamente come se si trattasse di una lente a contatto convenzionale.

Una volta rimossa la lente, la cornea mantiene la variazione del suo profilo ottico per tutta la giornata, durante la quale si vede bene ad occhio nudo. Raramente l’effetto dura per più giorni.

Quello ortocheratologico è un trattamento transitorio e completamente reversibile del difetto visivo, che permette significativi cambiamenti di stile di vita a chi ha un difetto visivo e non intende sottoporsi alla chirurgia refrattiva oppure che non presenta le condizioni di idoneità anatomo-clinica per sottoporsi all'intervento (ad esempio il giovane miope in fase evolutiva).

Il porto notturno ha il vantaggio di limitare il discomfort provocato da una lente rigida, grazie all’assenza dell’ammiccamento palpebrale, e di eliminare le componenti ambientali, cause frequenti di intolleranza alle lenti durante il giorno (polvere, vento, aria condizionata, attività sportive).